Mi chiamo Francesco Selicato e sono il Publican.

La birra è sempre stata la mia passione e con il tempo è diventato anche il mio lavoro.

Mi piace pensare di essere quell’anello ancora troppo poco conosciuto che unisce la birra al consumatore finale.

Negli anni ho frequentato numerosi corsi di formazione di ogni livello, ottenuto importanti certificazioni e partecipato a gare nazionali di spillatura. 

Ma la mia soddisfazione più grande resterà sempre il mio lavoro quotidiano, quando mi trovo dietro al bancone e rendo felice chi si avvicina al mondo della birra offrendogli la migliore esperienza di sempre. 

Perché per me la birra non è solo qualcosa da bere: è una vera e propria esperienza sensoriale che va saputa vivere in ogni suo aspetto.

Amo definirmi una persona a fermentazione spontanea.

La fermentazione spontanea è l’unica tra le tre tipologie di fermentazione (alta fermentazione, bassa fermentazione e spontanea fermentazione) che utilizza i cosiddetti lieviti killer, dei lieviti particolari che adottano un comportamento più aggressivo e producono tossine letali per gli altri lieviti.

Secondo la mia interpretazione, le persone a fermentazione spontanea sono quelle determinate che agiscono in maniera disciplinata verso il proprio lavoro, lottando con le proprie forze per raggiungere i migliori risultati di sempre.

E il mio obiettivo è quello di offrirti sempre la migliore esperienza sensoriale possibile ogni volta che vorrai gustare una birra.