Come riempire un pub a San Patrizio
Picture of Francesco selicato

Francesco selicato

Come riempire un pub a San Patrizio prima durante e dopo il 17 marzo

Ho riflettuto a lungo prima di decidere di pubblicare questo articolo. Per la prima volta, non ho scelto di scrivere direttamente sul blog, ma di archiviarlo tra i miei documenti personali. Il tema di come riempire un pub a San Patrizio potrebbe sembrare ormai scontato, e se sei un gestore di locali e stai leggendo queste righe, probabilmente ti starai chiedendo cosa intendo dire e soprattutto perché.

Partiamo dalle basi. Nei miei anni come addetto ai lavori nei pub, ho sempre osservato con attenzione questa festa che, anno dopo anno, riusciva a creare qualcosa di “magico” a differenza di altri eventi legati alla birra che si possono organizzare in un locale. Nel tempo, ho compreso il motivo e ho sviluppato una strategia e una tecnica che mi hanno permesso di ottenere il tutto esaurito, riempiendo il locale prima, durante e dopo il 17 marzo.

In questo articolo, condividerò con te tutte le tecniche che anche tu, se gestisci un locale o un pub, potrai mettere in atto immediatamente prima del 17 marzo. Sono convinto che nessuno ti abbia mai parlato di queste strategie e che non le troverai nei migliori manuali di comunicazione.

E sai perché? Perché si basano esclusivamente sull’esperienza sul campo, maturata negli anni sia nella gestione di un pub sia dall’ottica del cliente.

Ti avviso che questo potrebbe essere l’articolo più lungo che tu abbia mai letto su come riempire un pub a San Patrizio. Potrebbe non essere di interesse per tutti, quindi se non sei curioso di approfondire, sei ancora in tempo per chiudere questa pagina.

Se invece sei interessato a scoprire di più su come rendere speciale la festa di San Patrizio nel tuo locale, ti invito a dedicare tutto il tempo necessario alla lettura. Non posso garantirti per quanto tempo l’articolo rimarrà disponibile online. Nelle conclusioni, esprimerò anche la mia opinione personale sulla maggior parte degli eventi a tema San Patrizio organizzati nei pub.

Iniziamo!

San Patrizio: Perché è una festa magica?

Prima di addentrarci nel cuore dell’argomento, è essenziale chiarire perché la festa di San Patrizio sia percepita come così magica. L’entusiasmo che circonda questo evento è ineguagliabile; nessun Oktoberfest può competere con il fascino di San Patrizio, pur essendo anch’esso una celebrazione popolare ampiamente riconosciuta.

San Patrizio ha il potere di evocare in ognuno di noi qualcosa di profondo, spingendoci a lasciare la comodità di casa per dirigerci verso il primo pub a “celebrare”.

A mio avviso, il segreto di tale magia è semplice: San Patrizio trascende gli aspetti concreti e tangibili, come la birra o la musica. Questa festa ci invita a vestirci di verde, ad adottare un tema festivo e a sentirci, anche solo per un giorno, parte di una comunità. In breve, è una festa che colpisce direttamente il cuore delle persone, generando un coinvolgimento emotivo che si esprime vivendo l’evento con una buona birra in mano e musica a tema.

Un altro elemento che rende questa festa unica è l’attesa per il giorno specifico in cui si celebra, il 17 marzo.

Riflettendo su questo, ti sei mai chiesto perché l’Oktoberfest, nonostante sia una festa molto sentita, non suscita lo stesso livello di “emozione”? La risposta risiede nella durata: l’Oktoberfest si estende su più giorni, diluendo l’intensità dell’attesa e della celebrazione in un singolo giorno.

Personalmente, ho sempre paragonato San Patrizio al Natale: entrambi si celebrano in un solo giorno, entrambi evocano emozioni profonde, e per entrambi l’attesa di quel momento magico diventa di per sé una celebrazione.

Questi elementi di riflessione sono stati fondamentali nel definire la mia strategia su come riempire un pub a San Patrizio, sfruttando al massimo il potenziale dell’unico giorno a nostra disposizione, il 17 marzo.

Come riempire un pub a San Patrizio prima

So già che potresti pensare al giorno precedente o al celebre e ormai consolidato evento “Aspettando San Patrizio”, che spesso si tiene la notte prima in modo che, allo scoccare della mezzanotte, si possa brindare all’inizio della festa.

È certamente azzeccato utilizzare anche il giorno prima per dare il via alle celebrazioni, e forse mi dirai che esiste già la cosiddetta settimana di San Patrizio. Tuttavia, dobbiamo ricordare che questo evento ha un impatto emotivo paragonabile a quello del Natale, ed è per questo motivo che ho ideato e messo in pratica una strategia vincente per come riempire un pub a San Patrizio che supera ciò che è già conosciuto e praticato.

Di cosa sto parlando? Immagino che tu possa intuirlo: una sorta di periodo dell’Avvento dedicato a San Patrizio, o per meglio dire, una veglia che inizia sin dai primi giorni di marzo e prosegue fino al 17. Adottando questa strategia, avrai l’opportunità di “colonizzare” il tuo locale per la festa più verde dell’anno, partendo con un buon anticipo.

L’idea è di organizzare piccoli eventi a tema ogni giorno. Non sto necessariamente suggerendo di avere musica dal vivo ogni sera, ma piuttosto, seguendo l’esempio del Natale, di decorare l’intero locale con addobbi verdi sin dai primi giorni del mese. In questo modo, chiunque entri nel tuo pub percepirà immediatamente l’atmosfera festiva e il senso di appartenenza a questa celebrazione, collegando in modo indissolubile il tuo pub alla festa di San Patrizio. Puoi organizzare eventi legati alla birra che anticipano il culmine del 17 marzo, come per esempio:

▶︎Allenati per San Patrizio: Proporre ai tuoi clienti di “allenarsi” frequentando il pub ben prima del 17 marzo, un po’ come si farebbe in preparazione a una gara. L’idea è quella di iniziare a consumare birra stout in anticipo per essere “pronti” a festeggiare al meglio il giorno di San Patrizio.

▶︎Calendario di San Patrizio: Dall’inizio della tua iniziativa fino al giorno dell’evento, puoi introdurre un calendario dell’avvento ispirato a San Patrizio, dove ogni giorno viene svelato un “bonus” giornaliero. Questo approccio offre un valore aggiunto a chi frequenta il pub in anticipo, con numerose possibilità tra birra e cibo a tema.

▶︎Chi prima arriva meglio beve: Implementare un sistema di tessere fedeltà nel periodo che precede l’evento è sempre una buona strategia. Non si tratta di imporre vincoli, ma piuttosto di riconoscere il valore della frequenza. Chi visita il pub più spesso nelle settimane che precedono l’evento, accumula “punti” che gli consentiranno di riservare i posti migliori durante la festa di San Patrizio il 17 marzo, seguendo la logica del premiare la fedeltà e la costanza.

Queste tre strategie sono state da me personalmente testate per incrementare l’affluenza al pub prima dell’evento stesso. Posso assicurarti che, se implementate correttamente, funzionano davvero. È fondamentale allestire il locale completamente a tema verde; nel mio caso, ad esempio, sono arrivato a sostituire le lampadine standard con quelle verdi per creare un’atmosfera veramente unica che molti hanno apprezzato e ricordato.

Come riempire un pub a San Patrizio durante

Finalmente, il 17 marzo è alle porte, o perché non iniziare già il 16 sera? Ricordiamo la vigilia di Natale, un momento perfetto per sfruttare l’attesa e coinvolgere chi ama questa festa. Il 16 sera, organizza una serata che si estenda ben oltre la mezzanotte per dare il via ai festeggiamenti con coloro che hanno frequentato il locale nelle settimane precedenti. Offrire una promozione speciale valida dopo mezzanotte, come il classico 3×2 sulle birre, è un gesto piccolo ma di grande valore, molto apprezzato da chi, come me, frequenta assiduamente i pub.

Creare attesa fuori dal pub prima del 17 è possibile: inizia il 16, e dopo mezzanotte, è tempo di brindare, festeggiare e condividere momenti unici nel pub. Un’idea particolarmente accattivante è premiare l’outfit più in tema con San Patrizio, dedicando un intero fusto di birra come premio per gli abiti più originali e festosi.

Un fusto equivale a circa 60 pinte; considerando che la festa di San Patrizio viene celebrata da due settimane e che ci sono ancora giorni di festa davanti, il costo di questa iniziativa, distribuito sull’intera durata dell’evento, risulta essere minimo. Nel frattempo, il pub si animerà con un’infinità di outfit a tema, in una gara a chi si veste più in linea con lo spirito di San Patrizio.

La musica folk irlandese è fondamentale, contribuendo a creare quell’atmosfera magica tipica dell’evento. Niente deve essere lasciato al caso, perché stiamo parlando della festa a tema birra più sentita e partecipata che ci sia.

Un altro consiglio sempre efficace è quello di assumere una mascotte che si aggiri per il locale durante la serata di San Patrizio. Una figura caratteristica irlandese, simile a quella che potresti immaginare, che ho sempre trovato essere un ottimo modo per unire le persone tra una birra e l’altra, favorendo selfie e fotografie a tema.

Come riempire un pub a San Patrizio2

Il segreto è anche nell’iniziare prima, aprendo il locale già dal pomeriggio per anticipare la festa di San Patrizio. Offrire birra e opportunità uniche trasmette al cliente un senso di partecipazione esclusiva, anche per coloro che non possiedono la famosa tessera e cercano di ottenere il miglior posto disponibile, proprio come accade ai concerti del proprio artista preferito.

Immagina ora il pub gremito, tutti impegnati a festeggiare: l’evento sembra procedere alla perfezione, dopo due settimane di celebrazioni in onore di San Patrizio. E ora, potrebbe sembrare che ci si debba salutare con un “arrivederci all’anno prossimo”, giusto?

Teoricamente sì, ma praticamente, come appassionato di queste feste, sostengo che un anno sia troppo lungo da attendere. E chi di noi non sente la stessa malinconia quando le feste natalizie si concludono, con l’attesa di altri 12 mesi all’orizzonte?

Nel prossimo paragrafo, esploreremo come accorciare questa attesa!

Come riempire un pub a San Patrizio dopo

Ti sei mai chiesto se l’energia e la passione investite nelle due settimane precedenti e durante il giorno stesso di San Patrizio debbano necessariamente esaurirsi e attendere un intero anno prima di poter essere nuovamente celebrate? È davvero un peccato pensare di archiviare tutto quel fermento e quelle esperienze vissute fin dai primi giorni di marzo.

Ma c’è una strategia simpatica e innovativa per continuare a cavalcare l’onda di San Patrizio, aggiungendo ancora valore all’evento già ricco di significato.

Ebbene sì, sto suggerendo di replicare letteralmente l’evento di San Patrizio, e so che a primo acchito potrebbe sembrare un’idea folle o forse irrealizzabile. Ma scrivo queste righe basandomi su eventi e strategie che ho personalmente messo in atto e posso testimoniare la loro efficacia.

Come mantenere vivo lo spirito di San Patrizio anche dopo il 17 marzo?

Considera che tutti coloro che hanno festeggiato nel tuo pub il giorno di San Patrizio, in primis, sarebbero entusiasti all’idea di non dover attendere un altro anno per rivivere momenti simili. Se gestito correttamente, questo approccio può generare un forte senso di appartenenza e un rinnovato entusiasmo.

Introduco quindi il concetto del “Doppio San Patrizio”.

Perché limitarsi a una sola festa all’anno, che poi viene messa da parte aspettando il successivo ciclo di 12 mesi, quando potremmo semplicemente riproporla a breve distanza?

Dal 17 marzo facciamo un salto al 17 aprile, introducendo il “17 Aprile Doppio San Patrizio” come una novità entusiasmante. Immagina la reazione dei tuoi clienti nel vedere le locandine del tuo pub che annunciano questa data. Gli appassionati che hanno partecipato a marzo saranno impazienti di tornare per una “ultima volta” prima di un’attesa, ora ridotta a 11 mesi.

Implementare questa iniziativa è sorprendentemente semplice se si dispone di un lista contatti dei partecipanti delle due settimane di marzo. Offrire loro un vantaggio esclusivo per partecipare al Doppio San Patrizio il 17 aprile può rivelarsi una mossa vincente.

Avere una lista contatti ben organizzata è cruciale per effettuare promozioni mirate che superano la semplice pubblicità di un evento. Nel contesto dei pub, offrire valore aggiunto significa generare lealtà.

Forse non avevi mai pensato a questa piccola ma significativa strategia, molto apprezzata da chi vive profondamente la festa di San Patrizio. Perché non sfruttarla a vantaggio del tuo locale? Il costo è relativamente basso, considerando che basta avere a disposizione i contatti (email o numeri di telefono) di chi ha frequentato il tuo pub a marzo.

Conclusioni

Questo potrebbe effettivamente essere l’articolo più lungo mai apparso su questo blog, ma l’argomento di come riempire un pub a San Patrizio mi sta davvero a cuore. Vedere che molti si limitano a celebrare questa festa solo nei giorni del 16 o 17 marzo mi rattrista profondamente.

Personalmente, sono un grande fan di San Patrizio e ho sempre messo un impegno meticoloso nell’organizzare ogni aspetto dell’evento, proprio come se lo stessi facendo per me stesso. Credo che questa sia la chiave per avere successo in qualsiasi iniziativa legata ai pub o alle birrerie.

Se sei giunto fino a questo punto della lettura, lasciami dirti che, prima di diventare un blogger nel mondo della birra, lavoravo anch’io nei pub. Passavo ogni sera dietro il bancone, vivendo la vita del locale in prima persona.

Oggi, ho scelto di condividere questi spunti in modo gratuito, perché credo fermamente che ci sia ancora molto da fare e migliorare negli eventi legati alla birra, sia dentro che fuori dai locali.

Questi contenuti e strategie, che normalmente fanno parte delle mie consulenze per pub in tutta Italia, vengono offerti qui senza alcun costo aggiuntivo. A San Patrizio, proprio come a Natale, tendiamo tutti a essere un po’ più generosi, ed è per questo che ho voluto esprimere il mio punto di vista in quest’articolo.

Ora, non ti resta che metterti all’opera. Prova a implementare anche solo una delle tattiche menzionate per vedere il tuo pub pieno a San Patrizio. E se dovessi avere domande o bisogno di chiarimenti, sentiti libero di scrivermi sui social. Sarò lieto di offrirti ulteriori spiegazioni se necessario.

Mi farebbe anche piacere se volessi condividere altre strategie che conosci o la tua esperienza riguardo a quanto discusso. Sono curioso di sapere se eri già a conoscenza di queste informazioni e quali sono state le tue impressioni.

Alla nostra!

Mi raccomando: bevi sempre consapevolmente.

Francesco

Condividi l'articolo

Picture of FRANCESCO SELICATO

FRANCESCO SELICATO

Beer Blogger per passione, amante della birra per vocazione. Sul mio blog racconto e trasformo qualsiasi birra nella migliore esperienza sensoriale possibile.

Leggi la mia storia

francescoselicato.it

Il primo blog di un Publican dedicato al mondo Birra. Storie, spunti e contenuti di valore per tutti gli appassionati.

Seguimi sui Social